Valbisagno - LE NEWS DI LIGURIA POSSIBILE - Liguria Possibile

- Felice Cascione di Imperia - Savona Possibile Art.3 - Genova Terra e Libertà - Possibile 5.0 - Full Monty - Golfo Paradiso - Tigullio Possibile - Rapallo Possibile - La Spezia Possibile Art.3 -
SEGUICI SUI SOCIAL
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pastorino e Malatesta, mercato ittico: “La Valbisagno presa a pesci in faccia”

Liguria Possibile
Pubblicato da in Comune di Genova ·
Tags: ValbisagnoMercatoItticoViabilità

“Dopo anni di discussione il nuovo mercato ittico approda a "Cà de Pitta” in Valbisagno, ma stenta nella sua funzionalità. Da cittadino mi chiedo come sia possibile, dopo milioni di discussioni, esser finiti in un imbuto. Un’area con problemi di parcheggi ed esigue possibilità di manovre per i tir. La Valbisagno è già asfissiata dai consueti problemi di traffico irrisolti, con asse viario compromesso da nuovi insediamenti commerciali e soste non organizzate e regolamentate di bisarche. E i cittadini, a ragione, sono stufi”.

Da molti anni – concludono Pastorino e Malatesta - si parla di svolta nella mobilità, specialmente quella pubblica e per questa valle non si sta facendo nulla.
Senza una struttura moderna e funzionale di viabilità la Valbisagno è destinata al collasso. Il peso insediativo ed abitativo è aumentato. Nell’ex area Boero, a Molassana, verranno eretti due palazzi di dieci piani e si sviupperà un altro centro di interesse e traffico. La domanda per una viabilità funzionale sarà ancora più alta.
L’unica soluzione possibile per risolvere il problema è un innovativo sistema di Tram. Un progetto su cui stiamo lavorando e che spero presenteremo a breve.

Perché senza viabilità, non si va proprio da nessuna parte e si rimane fermi in coda, nel traffico.”

Lo dichiarano in una nota congiunta Luca Pastorino deputato di Possibile e Gianpaolo Malatesta consigliere comunale a Genova di Possibile





Gianpaolo Malatesta, Possibile: interrogazione in Consiglio Comunale su cantieri Val Bisagno e aree di degrado nel centro genovese.

Liguria Possibile
Pubblicato da in Comune di Genova ·
Tags: GenovaValbisagnoDegradoAmbiente
Gianpaolo Malatesta, in Consiglio Comunale, ha chiesto garanzie per la fine dei cantieri e aree di degrado in Via Struppa ( Ligorna ) e Via Turati ( Caricamento Cap. Bus 13 ).
TAG
Fiducia Felice Aleppo Prevenzione Innovazione Manifestazione Valbisagno BuonaPolitica Sanità Giudici su Trasporti Religione Calenda Precariato Busalla Programma festa Politica alimentari Biodigestore Delibera legge dei RegioneLiguria Viabilità Rischio Ambiente antifascismo CAMPANIA cultura Social Energia Magistratura Borzoli democrazia Applicazione Casa Città Doria Marco Orientaamento Big Eltin ProtezioneCivile Autoguidovie Tavolo Riqualificazione SanBenigno antimafia ValleScrivia Studenti Fegino BostonConsulting solidarietà ExEIltin Amiu Partito Costituzione CinqueTerre Anac Siria Metropolitana Stefano Rinascente Sessismo FiocchettoLilla disturbi JobsAct Legalità Gabriella Montecitorio Conflitti Iren SANITÀ CittàMetropolitana UnioneComuniScrivia Sicurezza Viale Lavagna Mittal Meteo Partecipazione Bucci Greenprint Antitrust CLIENTELA Generi Pastorino Occupazione Genova Salute Possibile genovesi Quartieri Genova2017 libertà Referendum Agricoltra TorenteScrivia Garassino Regione Sciopero Economia Antifascismo Gruppi periferie Toti Marcia Protezione ANAC Elezioni genere IoVotoNO Mondello migranti Ancarano Amministrative di Democratico Mobilità ValPolcevera four Migranti Prefettura Resistena Comitato Lavoro Scuola Padoan lilla FlatTax Coworking RENZI Terremoto Formazione Trenitalia fiocchetto Resistenza discriminazione Giunta AMT CIA 25aprile SOLI Accoglienza Cultura Genovachevorrei SALUTE Cascion Degrado Roma Luca Aster IUS Storia Antifascimo Economi Rapallo Tigullio Partigiani Voucher Gentiloni Parità scuolasolidale Governo Liguria ATP PSR Giovani Stereotipi Parlamento DELUCA MercatoIttico Bonifica Neve Allerta RiCostituente ILVA liberazione 'ndrangheta accogliena Chiavari Fioccolilla Iplom Comune DisturbiAlimentati
Torna ai contenuti | Torna al menu